Category: Castellani Renato


Regia di Renato Castellani. Un film Da vedere 1948 con Luisa RossiOscar BlandoLiliana ManciniFrancesco GolisanoAlberto SordiCast completo Genere Drammatico – Italia1948durata 94 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 – MYmonetro 3,55 su 4 recensioni tra criticapubblico e dizionari.

Storia di Ciro, Iris e altri ragazzi del popolo nella Roma dell’ultima guerra mondiale. Ciro si mette su una cattiva strada, ma un lutto in famiglia e l’amore energico di Iris lo rimettono in carreggiata. 1ª parte della trilogia della povera gente (proseguita con È primavera… , 1950 e Due soldi di speranza , 1951). R. Castellani si inserisce nel neorealismo con una commedia di ritmo incalzante e di scanzonata vivacità che nasconde tra le pieghe un’amarezza di fondo, entrando così nel filone che la critica di sinistra del tempo battezzò, con spregiativo sussiego, neorealismo rosa.

 Sotto il sole di Roma
(1948) on IMDb

Regia di Renato Castellani. Un film con Fosco GiachettiRenato CialenteAssia NorisAntonio CentaEmilio PetacciMario SoldatiCast completo Genere Drammatico – Italia1942durata 94 minuti. – MYmonetro 3,00 su 3 recensioni tra criticapubblico e dizionari.

Da un racconto di Aleksandr Puškin: ufficiale russo sfida a duello un collega che corteggia la donna da lui amata, ma quando il rivale sbaglia volutamente il suo colpo di pistola, rinuncia al proprio; quattro anni dopo si ripresenta al rivale per esigere la continuazione del duello. 1° film di R. Castellani, è considerato uno degli esempi più rappresentativi di quella tendenza “evocativa-calligrafica” che negli anni ’40 cercò di contrapporsi alla sciatta e conformistica mediocrità del cinema italiano di quei fascistici anni come un corrispondente audiovisivo della prosa d’arte in letteratura. Freddo esercizio di stile, ma di buon livello. Fotografia di M. Terzano, scene di G. Medin, costumi di M. De Matteis.

 Un colpo di pistola
(1942) on IMDb

Regia di Renato Castellani. Un film Da vedere 1961 con Serena VerganoAdelmo Di FraiaAnna Filippini. Genere Avventura – Italia1961durata 143 minuti. – MYmonetro 3,81 su 3 recensioni tra criticapubblico e dizionari.

Durante la 2ª guerra mondiale Michele Rende, contadino calabrese e agitatore politico per l’occupazione dei latifondi, ingiustamente accusato di omicidio si dà alla macchia. Ma gli ammazzano la fidanzata. Tratto da un romanzo (1951) di Giuseppe Berto, il film ha ambizioni epiche, realizzate in episodi di grande respiro sullo sfondo di un paesaggio suggestivo. Un po’ accademico e manierato, però.

 Il brigante
(1961) on IMDb

Regia di Renato Castellani. Un film Da vedere 1958 con Anna MagnaniGiulietta MasinaRenato SalvatoriMyriam BruSaro UrzìUmberto SpadaroCast completo Genere Drammatico – Italia1958durata 106 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 – MYmonetro 3,26 su 4 recensioni tra criticapubblico e dizionari.

Dal romanzo di Isa Mari Via delle Mantellate . Galleria di donne in un carcere romano: Egle, prostituta incallita; Lina, servetta spaurita accusata ingiustamente di complicità in un furto; una ragazzina già pentita e innamorata di un ragazzo che vede dalla finestra. Egle insegna come farsi furba a Lina che impara anche troppo bene. Sceneggiato con Suso Cecchi D’Amico, è più un film d’attori (anzi di attrici) che d’autore, ma contraddistinto, come quasi sempre in Castellani, da un sapiente ritmo narrativo: una macchina che funziona come un orologio, nonostante l’intelaiatura.

 Nella città l'inferno
(1959) on IMDb

Regia di Renato Castellani. Un film Da vedere 1954 con Laurence HarveyFlora Robson, Susan Shentall, Enzo FiermonteNietta ZocchiSebastian CabotCast completo Genere Drammatico – Italia1954durata 140 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 – MYmonetro 3,00 su 5 recensioni tra criticapubblico e dizionari.

Una gioia per gli occhi, ma il resto? Due le intenzioni di Castellani: fare della trasposizione uno spettacolo il meno aulico possibile e rendere “italiani” personaggi, usi, costumi, ambiente, ancorandoli alla tradizione pittorica del Quattrocento (Uccello, Carpaccio, Pisanello, Botticelli, Ghirlandaio…), scegliendo gli esterni tra Venezia, Siena, Verona, Montagnana, Sommacampagna, Castelvecchio. Splendida fotografia di R. Krasker. Protagonisti giovani, ma poco scattanti: meglio i personaggi di contorno. Di grande dignità figurativa, ma un po’ algido. Né Shakespeare né Luigi Da Porto, come il regista avrebbe voluto. C’è anche Elio Vittorini come principe Bartolomeo. Sopravvalutato al suo tempo (Leone d’oro a Venezia nell’anno di Senso , L’intendente Sanshô , La strada , Fronte del porto ) e sottovalutato dopo.

 Giulietta e Romeo
(1954) on IMDb

Regia di Renato Castellani. Un film Da vedere 1951 con Maria FioreVincenzo MusolinoGina Mascetti. Genere Commedia – Italia1951durata 95 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 – MYmonetro 3,29 su 5 recensioni tra criticapubblico e dizionari.

Un disoccupato di Boscotrecase (NA) impara l’arte del sopravvivere, facendo molti mestieri, finché sposa una ragazza povera e vitale come lui. Dietro al film, scritto dal regista sulle testimonianze orali di un vero disoccupato e riscritto nei dialoghi in “napoletano universale” da Titina De Filippo, c’è una forte componente letteraria. Con Umberto D rappresenta paradossalmente, da posizioni opposte, il punto terminale della stagione neorealista: all’amaro pessimismo (e al fiasco commerciale) di De Sica-Zavattini corrispose il trionfo d’incassi e, in parte, di critica (1° premio a Cannes 1952 ex aequo con Othello di O. Welles) del film di Castellani nel quadro di un vivace bozzettismo dialettale, di uno strenuo e accattivante vitalismo mediterraneo, di una protesta sincera e velleitaria e soprattutto di una naturale esuberanza giovanile. Sebbene la storia faccia perno sul personaggio maschile, è la donna che – come in altri film del regista – svolge un ruolo emblematico. Carmela “è, con la Maddalena di Bellissima , il personaggio femminile più vivo e autentico del nostro cinema” (G. Aristarco). Il film divise la critica e fu considerato il capostipite del “neorealismo rosa” che ebbe i suoi risultati più significativi in Pane amore e fantasia e nella serie Poveri ma belli .

 Due soldi di speranza
(1952) on IMDb

Regia di Renato Castellani. Un film Da vedere 1957 con Lea MassariSergio TofanoCosetta GrecoLilla BrignoneEnrico PaganiGuido CelanoCast completo Genere Drammatico – ItaliaFrancia1957durata 106 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 – MYmonetro 2,79 su 3 recensioni tra criticapubblico e dizionari.

All’università di Pavia Mario (E. Pagani) studia medicina, Lucia (L. Massari) chimica. Si amano, si sposano e attendono un bambino. Lui si laurea e, proprio mentre assiste una partoriente, Lucia muore di parto. Con la perizia e il gusto di cui è maestro, R. Castellani ha saputo alternare, nella musica interna della vicenda, le note dello scherzo e quelle della tenerezza, gli accenti dell’allegria a quelli del dolore.

 I sogni nel cassetto
(1957) on IMDb