Category: Taylor Alan


Locandina italiana Terminator Genisys

Un film di Alan Taylor. Con Arnold Schwarzenegger, Emilia Clarke, Jai Courtney, J. K. Simmons, Jason Clarke.Azione, Ratings: Kids+13, durata 119 min. – USA 2015. – Universal Pictures uscitagiovedì 9 luglio 2015. MYMONETRO Terminator Genisys * * * - - valutazione media: 3,06 su 42 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

2029. John Connor è a un passo dal guidare la resistenza umana alla vittoria definitiva sulle macchine, quando Skynet invia all’ultimo minuto un cyborg nel 1984 per uccidere sua madre, Sarah. John manda allora il suo braccio destro Kyle Reeves indietro nel tempo per proteggerla. Qui, Kyle trova Sarah in compagnia di un identico Terminator, riprogrammato, che le fa da guardiano dall’età di nove anni. Viaggiando nel tempo, Kyle rievoca anche strani ricordi, mai avuti prima, risalenti al 2017. Convince perciò Sarah a recarsi con lui in quell’anno per impedire la messa on line di Genisys, l’App dietro la quale si nasconde la stessa Skynet.

Locandina I vestiti nuovi dell'imperatore

Un film di Alan Taylor. Con Ian HolmIben HjejleNigel TerryTim McInnernyTom Watson. continua» Titolo originale The Emperor New ClothesCommediadurata 105 min. – Gran Bretagna 2001

Sant’Elena, 1821. Napoleone non vede l’ora di abbandonare l’esilio forzato che lo costringe all’inattività. Grazie all’individuazione di un suo sosia si decide per un’accurata messinscena basata sullo scambio di identità. Ma le cose non vanno come sperato: l’imperatore arriverà a Parigi, ma in modo del tutto anonimo e solitario. Avrà così inizio una sua relazione con una venditrice di meloni, sempre nell’attesa del giorno della riscossa. Che, a causa di un evento accaduto a Sant’Elena, sembra destinato a non giungere mai. Più che Napoleone è la vita quotidiana dell’epoca ad essere la protagonista della divertente pellicola. Taylor, però, sembra più a suo agio con l’età contemporanea e, a causa forse dell’autorevolezza del grande Ian Holm, è quasi timoroso nei confronti della materia che ha a disposizione. Questo non diminuisce i pregi di un film piacevole e ben confezionato, ma riduce di fatto le potenzialità di una sceneggiatura che altri, ad esempio un Terry Gilliam, avrebbero sviluppato con maggiore coraggio visivo.

View full article »