Category: U


Regia di Ron Underwood. Un film con Kevin BaconFred WardFinn CarterMichael GrossReba McEntireCast completo Genere Horror – USA1990durata 98 minuti. – MYmonetro 2,59 su 2 recensioni tra criticapubblico e dizionari.

In una zona desertica del Nevada, abitata da un gruppo di devianti ed emarginati, giganteschi vermoni ciechi ma dall’udito sensibilissimo emergono dal sottosuolo e riducono in poltiglia ogni essere vivente. Nella prima parte si alternano con sagacia la suspense e il colore locale, l’incubo con la gaiezza e gli effetti speciali sono eccellenti. Poi la corda si sfilaccia e subentra il già visto. Seguito da Tremors II , uscito direttamente in home video.

 Tremors
(1990) on IMDb

Regia di Ron Underwood. Un film con Charlize TheronBill PaxtonPeter FirthRade SerbedzijaNaveen AndrewsRegina KingCast completo Titolo originale: Mighty Joe Young. Genere Avventura – USATanzania1998durata 110 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: Film per tutti – MYmonetro 2,82 su 1 recensioni tra criticapubblico e dizionari.

In un villaggio africano Jill Young (Theron) e Joe, gorillone fuori misura, sono amici da vent’anni, da quando persero entrambi la madre per mano di bracconieri. Un bravo zoologo (Paxton) convince Jill a portare Joe in un rifugio sicuro in California, ma, guidata da Strasser (Serbedzija), una squadra di cattivi cerca di catturarlo. Remake di Il re dell’Africa (1949), scritto da Mark Rosenthal e Lawrence Konner, prodotto dalla Buena Vista (Disney), girato in un’isola delle Hawaii. Tutti gli stereotipi dei film esotici dal primo King Kong in poi sono presenti e rimpastati, ma la riscrittura non è priva di malizia. Alto 4, 5 metri, Joe è il frutto ibrido tra un gorilla elettronico, un’immagine virtuale, lavoro su blue screen con un attore (Alexander), esperto di scimmie, vestito da gorilla.

 Il grande Joe
(1998) on IMDb
Conversazioni private di Liv Ullmann - DVD

Regia di Liv Ullmann. Un film con Max von SydowSamuel FrölerPernilla AugustAnita BjörkVibeke FalkThomas HanzonCast completo Titolo originale: Enskilda Samtal. Genere Drammatico – Svezia1996durata 110 minuti. Valutazione: 3,50 Stelle, sulla base di 6 recensioni.

Scritto da Ingmar Bergman come Con le migliori intenzioni (1992) di cui è il seguito, racconta un altro decennio (1924-34) nell’infelice vita coniugale di Henryk Bergman e Anna Akerblom, genitori del regista. È la storia di un adulterio, quello che Anna commette con Thomas, studente di teologia più giovane di lei. Pur tra sconnessioni temporali e qualche taglio rispetto all’edizione televisiva, è diviso in 5 conversazioni (meglio: confessioni, nel titolo originale e nell’accezione luterana della locuzione) con epilogo-prologo nel 1907. A differenza del film precedente, la sceneggiatura di Bergman ha qui un impianto più frammentario e intimista dove si scava in profondità nel groviglio di amore-odio-senso del dovere-rivolta di Anna (P. August, qui protagonista assoluta, doppiata da Cristiana Lionello). Alla sua 3ª regia, L. Ullmann ci ha messo del suo: sensibilità, cura dei particolari, un tocco di femminilità oscuro e potente, quasi come in un processo di osmosi, identificazione, transfert tra regista, interprete e personaggio. Nell’edizione italiana manca la 3ª conversazione tra Anna e sua madre.

Regia di Liv Ullmann. Un film Da vedere 2000 con Erland JosephsonLena EndreKrister HenrikssonThomas Hanzon, Michelle Gylemo, Juni DahrCast completo Titolo originale: Trolösa. Genere Drammatico – Svezia2000durata 155 minuti. – MYmonetro 4,00 su 5 recensioni tra criticapubblico e dizionari.

L’attrice Marianne e il famoso direttore d’orchestra Markus, sposati da undici anni, hanno una figlia, la piccola Isabelle. Il regista David è il loro migliore amico. Tra Marianne e David nasce una relazione che si trasforma in passione. Separazione drammatica, epilogo tragico. 4ª regia di L. Ullmann (i primi 2 film inediti in Italia), la 2ª su sceneggiatura di Ingmar Bergman, strindberghiana di ispirazione, autobiografica nella sostanza, che sul tradizionale e risaputo triangolo borghese costruisce un dramma su binari angosciosamente nuovi. Lo spunto è pirandelliano: un’attrice/personaggio (Endre) aiuta l’ottantenne Bergman (Josephson), tormentato dai rimorsi, a scrivere questa straziata storia d’amore fra tre adulti, reciprocamente infedeli, del cui gioco la vera vittima è la bambina. Cinema di parola, dunque di attori, sebbene la regia sia tutt’altro che di servizio, e non soltanto perché, pur rispettando con scrupolo il testo del maestro, amplia visivamente la presenza della figlia. Nonostante un certo ristagno drammaturgico nella 2ª parte, il film fonde estetica ed etica, colpisce per la sua sincerità, coinvolge con il suo dolore, scava impietosamente nei vizi privati e nella crudeltà irresponsabile della gente scandinava, soprattutto degli uomini che, come capita spesso in Bergman, ne escono giustamente bastonati. Perciò, forse, i 2 interpreti maschili, soprattutto il David di Henriksson, risultano opachi rispetto alla versatile e intensa Endre, doppiata da Roberta Greganti.

L'incredibile uomo trasparente (1960) - il Davinotti

Regia di Edgar G. Ulmer. Un film con Marguerite ChapmanDouglas KennedyJames GriffithIvan TriesaultBoyd ‘Red’ MorganCast completo Titolo originale: THE AMAZING TRANSPARENT MAN. Genere Fantascienza – USA1960durata 60 minuti.

Krenner, gangster al soldo di una nazione straniera, fa evadere dalla prigione Joe Faust, noto scassinatore, e gli chiede in cambio di rubare da una base militare campioni di materiale radioattivo necessari agli esperimenti del dottor Ulof, suo prigioniero. L’uomo dapprima rifiuta, ma poi minacciato di morte, accetta di collaborare anche perché Krenner gli spiega che potrà mandare a segno la rapina sottoponendosi ad un raggio (inventato da Ulof) che rende invisibili. L’impresa ha luogo senza che la polizia possa sospettare di loro e dopo avere saldato il “debito”, Faust pensa di servirsi ancora della sua condizione di uomo invisibile per scassinare una banca. Egli non sa che tra il materiale trafugato c’è l’X13 un elemento che annulla temporaneamente gli effetti della invisibilità: nel bel mezzo della rapina Faust si materializza e, inseguito dai poliziotti, è costretto a fuggire per chiedere aiuto al dottor Ulof. Questi accetta di soccorrere il bandito a patto che lo liberi da Krenner. Faust va per uccidere Krenner, ma nello scontro che segue entrambi trovano la morte per un’accidentale manomissione dei congegni del raggio che provoca l’esplosione del laboratorio. Quando la polizia arriva sul posto, Ulof, che era riuscito ad allontanarsi dall’edificio, non fa parola delle sue scoperte.Opera minore di Ulmer, regista comunque inventivo e generoso. Se non fosse per il raggio invisibile e i fantasiosi elementi radioattivi la storia non si distinguerebbe molto dai noir americani degli anni ’50, con i due antagonisti malavitosi, la ragazza sincera (la figlia dello scienziato) e la donna del gangster indecisa tra i due.

Locandina Fratelli messicani

Un film di Edgar G. Ulmer. Con Arthur KennedyBetta Saint JohnBetta St. JohnEugene Iglesias Titolo originale The Naked DawnAvventuraRatings: Kids+16, durata 82 min. – USA 1955.

Un ladro, con nobile passato di rivoluzionario e di combattente per la libertà, si imbatte in una coppia di contadini messicani poveri e disperati. La donna gli chiede di portarla via, l’uomo tenta di derubarlo, ma all’ultimo momento non ha il coraggio e addirittura lo difende dalla rabbia dei suoi ex compagni. Il ladro viene ucciso egualmente e la coppia messicana si ritrova più unita.

Locandina Detour - Deviazione per l'infernoUn film di Edgard George Ulmer. Con Tom Neal, Ann Savage, Claudia Drake Drammatico, durata 69 min. – USA 1945. MYMONETRO Detour – Deviazione per l’inferno * * * 1/2 - valutazione media: 3,79 su 7 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Al Roberts (Tom Neal), pianista in un night di New York, cerca di raggiungere in autostop la sua ragazza, Sue (Claudia Drake), a Los Angeles. Viene raccolto da Haskell (Edmund MacDonald), un uomo pieno di soldi, che gli racconta che l’autostoppista precedente, una ragazza, gli ha graffiato la faccia dopo aver tentato un’avance. Dopo aver sostituito alla guida Haskell in crisi di sonno, Al, quando tenta di svegliarlo, si accorge che l’uomo è morto. View full article »

Locandina The Man From Planet XUn film di Edgard George Ulmer. Con Robert Clarke, Margaret Field, William Schallert, Raymond Bond, Roy Engel. Fantascienza, b/n durata 70 min. – USA 1951.
Poiché il suo pianeta sta morendo per effetto di una glaciazione, un alieno scende sulla Terra per verificare se le condizioni ambientali siano adatte alla sopravvivenza della sua razza. Le sue intenzioni non sono aggressive: in fondo cerca soltanto aiuto per salvare la sua gente; ma dagli uomini riceve solo incomprensione, e dai militari … colpi di bazooka.In contrapposizione alla tendenza del periodo, il soggetto del film presenta la figura dell’alieno come un “diverso”, non ostile, ma anzi bisognoso d’aiuto, anticipando temi che saranno poi sviluppati a partire dagli anni ’70 in film come L’uomo che cadde sulla Terra (1976), E.T. l’extraterrestre (1982), Fratello di un altro pianeta (1984) e Starman (1984). View full article »


Un film di Robert Siodmak, Curt Siodmak, Edgard George Ulmer, Fred Zinnemann. Titolo originale Menschen am Sonntag. Documentario, durata 70 min. – Germania 1930.
Due commesse, un commesso viaggiatore, un autista, una comparsa trascorrono un giorno di vacanza nei boschi intorno a Berlino. Interpretato da attori non professionisti in un ambiente naturale, questo semi-documentario realizzato con poco costo fu l’ultimo film tedesco muto di qualche valore. Anche se Béla Balazs gli rimproverò il suo “fanatismo dei fatti “, quest’opera, ispirata indirettamente a Flaherty e Vertov, era uno studio sociale che fece epoca, e i suoi autori ebbero in seguito carriere assai diverse, nel cinema americano. View full article »

Risultati immagini per La Follia di BarbabluUn film di Edgard George Ulmer. Con Nils Asther, John Carradine, Jean Parker Titolo originale Bluebeard. Drammatico, Ratings: Kids+16, durata 73′ min. – USA 1944. MYMONETRO La follia di Barbablù * * * - - valutazione media: 3,00 su 4 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Un burattinaio parigino s’innamora di una modista alla quale confessa di essere un maniaco omicida, raccontandole la sua storia. Epilogo tragico. Girato in 6 giorni, è uno dei 12 film che Ulmer diresse per la PRC dal 1942 al 1945. Connubio sorprendente di espressionismo, romanticismo, surrealismo con espliciti omaggi al cinema muto. View full article »

Risultati immagini per La Figlia del Dottor Dottor. JekyllUn film di Edgard George Ulmer. Con John Agar, Gloria Talbott, Arthur Shields, John Dierkes, Martha Wentworth. Titolo originale Daughter of Dr. Jekyl. Drammatico, b/n durata 71 min. – USA 1957. MYMONETRO La figlia del dott. Jekyll * * - - - valutazione media: 2,25 su 4 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Janet Smith (Gloria Talbott) si reca in Inghilterra per ricevere l’eredità del padre, che non ha mai conosciuto. La accompagna il fidanzato George Hastings (John Agar). Il dottor Lomas (Arthur Shields), esecutore testamentario, le rivela che il padre le ha lasciato un ingente patrimonio di cui potrà disporre tra poco, essendo imminente il suo ventunesimo compleanno. Lomas le rivela anche che suo padre altri non era che il famigerato dottor Jekyll. Sconvolta dalla notizia, Janet, che teme le conseguenze della “maledizione” di famiglia, vorrebbe interrompere la relazione con George, per non coinvolgerlo. View full article »