Category: Greco Emidio


Locandina L'invenzione di Morel

Un film di Emidio Greco. Con John SteinerGiulio BrogiTina KarinaAnna KarinaValeria Sabel. continua» Fantasticodurata 110 min. – Francia, Italia 1974MYMONETRO L’invenzione di Morel ***1/2- valutazione media: 3,63 su 17 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Naufragato su un isola sconosciuta, un uomo insegue Faustina, una enigmatica figura di donna che insieme ad altre persone sembra aggirarsi senza apparente ragione attorno ad un edificio dall’insolita architettura. Dopo aver tentato invano di creare un contatto con la ragazza, l’uomo si rende conto che gli strani abitanti dell’isola sono vuote immagini registrate e proiettate da una macchina inventata da Morel che entra in funzione con la luce del sole e con le maree. Lo stravagante scienziato ha risucchiato, esponendoli ai raggi mortali della macchina, la fisionomia di un gruppo di persone capitato sull’isola e ne riproduce i simulacri, i gesti e le parole dando vita ad un frammento di ripetitiva sterile immortalità. Solo e disperato, l’uomo si pone di fronte alla macchina e, morendo, si unisce a Faustina e alla compagnia degli altri incorporei personaggi. Girando sulle spiagge di Malta, Emidio Greco trasferisce sullo schermo il romanzo di Jorge Bioy Casares con la mente volta alle lezioni stilistiche del Resnais di L’anno scorso a Marienbad. Opera insolita nel panorama della produzione italiana, il film fa uso sapiente di atmosfere surreali per invitare a riflettere sul significato della realtà, sulla consistenza dell’immagine e sulla finitezza esistenziale dell’individuo. Film che andrebbe riproposto e rivisto anche come interessante esercizio di cinema sul cinema.

L'invenzione di Morel (1974) on IMDb
Locandina Una storia semplice

Un film di Emidio Greco. Con Gian Maria VolontéMassimo DapportoEnnio FantastichiniRicky TognazziMassimo Ghini. continua» DrammaticoRatings: Kids+16, durata 105 min. – Italia 1991MYMONETRO Una storia semplice ***1/2- valutazione media: 3,75 su 8 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Tratto da un racconto di Leonardo Sciascia il film segue il classico ritmo televisivo ma è supportato da una buona sceneggiatura e da un’interpretazione adeguata. Siamo in Sicilia dove l’omertà regna sovrana. Dopo un assassinio, alcuni personaggi vogliono far luce sul caso e altri invece tendono a mantenere il buio: un professore, un commissario, un brigadiere, un questore e un testimone. Quando però quest’ultimo avrà la certezza di avere in mano una delle chiavi per risolvere il caso deciderà di non parlare, di non immischiarsi.

Regia di Emidio Greco. Un film con Giuseppe BattistonAmbra AngioliniGiorgia SalariAnnapaola VellaccioFrancesca FavaCast completo Genere Drammatico, – Italia2010durata 90 minuti. Uscita cinema venerdì 29 aprile 2011 distribuito da Movimento Film. – MYmonetro 2,68 su 9 recensioni tra criticapubblico e dizionari.

In 35 anni è l’8° e il più riuscito film del pugliese Greco che ha riscritto un racconto (1964) di Franco Lucentini. Pur fedele per struttura e dialoghi a Lucentini (senza Fruttero), Greco ha aggiunto di suo qualche dettaglio e 2 sequenze, viste con gli occhi del protagonista: un affollato party notturno e la visita a Villa Adriana di Tivoli. Sono complementari, l’una in negativo e l’altra (quasi un documentario) in positivo: dà un senso al titolo e provoca la “conversione” del personaggio col tramite del fascino rovinoso della Tivoli antica. Battiston è un interprete da premio. Ne sarebbe contento Lucentini, inventore del “professore”, figura che non ha precedenti nella narrativa italiana. Ha ragione Greco nel dire che il suo film è tante cose: esercizio di stile (non un’inquadratura superflua, ogni movimento della cinepresa funzionale), lente con cui guardare la realtà, racconto morale innervato da una tensione etica. Greco sa dirigere i suoi attori e la Angiolini conferma il suo talento.

Locandina L'uomo privato

Un film di Emidio Greco. Con Tommaso RagnoMyriam CataniaGiulio PampiglioneMia BenedettaEnnio Coltorti. continua» Thrillerdurata 100 min. – Italia 2007. – Cinecittà Luce uscita venerdì 2 novembre 2007. MYMONETRO L’uomo privato **1/2-- valutazione media: 2,61 su 40 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Tra Torino e Pisa si svolge la vita di un professore universitario di Diritto, socialmente e professionalmente affermato. Dotato di grande intelligenza e di un fascino sfuggente, l’uomo e il professore conducono un’esistenza “ritirata” che sconfina qualche volta nei letti di amanti occasionali. Deciso a controllare la realtà e a tenerla accuratamente a distanza, viene suo malgrado coinvolto nella morte per suicidio di uno studente. Il ragazzo, ossessionato dalla vita del professore, ha registrato scrupolosamente le sue lezioni, i suoi comportamenti, le sue abitudini…
La forza del cinema di Emidio Greco, e in questo senso L’uomo privato non fa eccezione, sta tutta nell’essenzialità stilistica, nel razionale svolgimento narrativo e nella coraggiosa anti-spettacolarità. Il suo cinema eminentemente letterario (L’invenzione di MorelUna storia sempliceIl Consiglio d’Egitto), si avvale questa volta di un soggetto originale scritto dallo stesso autore.
Al centro della sua storia c’è un professore senza nome, elegante ed introverso, che tiene gli occhi aperti ma finisce per avere lo sguardo di chi attraversa la realtà in stato di trance. Tutto quello che si dispiega davanti a lui, gli studenti in aula, le amanti, gli amici, i colleghi, hanno le caratteristiche di un (brutto) sogno, che la sua logica semplificatrice non sa “vedere” e comprendere. Nel film c’è solo un uomo che “esiste”, gli altri non “sono”.
Protagonista e spettatore unico del proprio sogno, l’uomo privato (e perfetto) di Tommaso Ragno, procede per forza di inerzia in un tragitto che contempla evoluzioni impreviste: la morte di uno studente. Pedinato e spiato sfacciatamente, il professore resta cieco davanti all’evidenza, incapace a raccogliere i segnali, a decifrare i codici, a leggere i simboli. Quella morte precoce lo priva per sempre del controllo sul reale. La presunzione della razionalità e della positività si stemperano fino a diventare in lui un’insospettata propensione alla vertigine.
Il film di Greco, concettuale e rigoroso, non dice nulla con le parole e tutto con le immagini. Accentuando la parte “detta” il regista privilegia la dimensione pubblica della vicenda, immergendo “l’uomo privato” nel cicaleccio ridondante e senza senso dei “salotti” e nell’abisso delle coscienze.

Locandina Il consiglio d'Egitto

Un film di Emidio Greco. Con Tommaso RagnoSilvio RagnoRenato CarpentieriAntonio CataniaMarine Delterme. continua» Drammaticob/n durata 135 min. – Italia 2002MYMONETRO Il consiglio d’Egitto ***1/2- valutazione media: 3,63 su 6 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Tratto dal libro di Leonardo Sciascia, la vicenda è ambientata nel 1782 quando un certo abate Vella (Silvio Orlando) a Palermo riesce a farsi accettare nel seguito di un importante e ricchissimo musulmano, tale Abdallah Ben Olman. L’abate intenderebbe semplicemente vivere alla grande e per farsi accreditare meglio spaccia un libretto per un testo rivoluzionario. Il lestofante inganna tutti per tredici mesi. Un film in costume dalle tematiche complesse forse difficilmente comprensibili per lo spettatore che non abbia già letto il libro. È la seconda opera di Sciascia che Santomauro porta sullo schermo. La prima era stata Una storia semplice,una delle ultime magistrali interpretazioni di Gianmaria Volontè.